Vendere diventa facile se sai giocare a poker

Condividi su facebook
Condividi su linkedin

Nel gioco del poker, il problema principale è controllare le proprie emozioni.

Ciò che differenzia i grandi giocatori dai buoni giocatori è proprio la capacità di tenere sotto controllo il proprio umore.

Si possono imparare tutte le tecniche e le strategie esistenti ed avere a disposizione i migliori strumenti per giocare, ma se non si riesce a mantenere la calma durante il gioco, si perderà di sicuro.

Nella vendita esiste lo stesso identico problema. Se non riesci ad evitare di far entrare nella trattativa le tue emozioni o quelle del cliente, tenderai a reagire emotivamente invece che obiettivamente e razionalmente.

I venditori che sanno gestire le proprie emozioni, fanno uno sforzo consapevole per non permettere alla loro emotività di interferire nella trattativa di vendita e di distrarli dall’essere presenti e concentrati sul cliente.

Questa concentrazione gli permette di valutare in maniera accurata tutto ciò che sta accadendo prendendo le decisioni migliori per proseguire con la trattativa e per portarla a termine.

Tuttavia può capitare che quando le ultime vendite non sono andate a buon fine, la pressione per ottenere un risultato si faccia strada nella mente del venditore rendendolo meno distaccato e più coinvolto emotivamente.

In ogni caso chi ha la capacità di gestire le proprie emozioni nel modo più efficace, riesce a mettere alla prova le affermazioni del cliente per chiarire le reali intenzioni senza timori.

Per non inseguire false piste, non si accontenta di commenti o affermazioni che in apparenza appaiano positivi ma fa domande più profonde per scoprire la reale intenzione del cliente.

Chi invece permette alle proprie emozioni e quelle del potenziale cliente di interferire nel processo di vendita, avverte la pressione di dover chiudere la vendita mentre vorrebbe capire l’emozione del cliente.

E’ in questo momento che i fallimenti e i rifiuti del passato possono riaffiorare e generare nel venditore una sensazione di panico e disperazione.

Queste emozioni negative impediscono al venditore di essere presente e concentrato sulla trattativa. In questa condizione non riesce ad ascoltare attivamente il cliente e a gestirlo in modo obiettivo.

Spesso questi venditori si concentrano su una particolare obiezione, perplessità o dubbio del cliente, diventando eccessivamente analitici o cercando di essere creativi. Questo devia il processo di vendita.

Altre volte si illudono che le affermazioni positive del cliente siano un segnale positivo verso un possibile accordo e per questo smettono di fare le domande utili a scoprire le reali intenzioni di acquisto.
Sensazioni positive e ottimismo non fondato possono far perdere le trattative.

Questa capacità del venditore è particolarmente utile nella fase di chiusura della trattativa, dove la gestione delle emozioni è fondamentale per non farsi distrarre e allontanare dall’obiettivo.

La capacità di gestire le proprie emozioni e rimanere distaccati, è una delle competenze che viene analizzata nel codice genetico della vendita di Sales DNA e che utilizziamo per creare la più efficace strategia di incremento del fatturato personalizzata per ogni azienda, settore e prodotto.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin

non perderti gli altri articoli

Sales DNA bianco

© 2020 Sales DNA è un brand di Restart Hr Srl 
Marchio Registrato ® 
Privacy Policy info@salesdna.it

Restart Hr Srl – Via Ugo Foscolo 32/i
37057 San Giovanni Lupatoto (VR)
www.restarthr.com – info@restarthr.com
tel. 045.9813616 – fax 045.4850803
Cod. Fiscale e P.IVA 04667300232 

Sales DNA

VUOI PARLARE CON UN NOSTRO CONSULENTE PER AVERE MAGGIORI INFORMAZIONI ?

Inserisci qui sotto i tuoi recapiti e la tua domanda per essere ricontattato ed avere tutte le risposte che cerchi

Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere una età non inferiore a 16 anni, nonché di avere letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Privacy Policy di questo sito.